lunedì 18 gennaio 2010

Appunti 3 - La Brevità, Gran pregio

Il Teatro Musicale...

Che sia Opera o altro... la chiave è la SINTESI!

(non a caso si parla di "riduzione" teatrale di un romanzo).

Il peggior difetto che si può riscontrare in un testo teatrale, specialmente se una commedia musicale moderna, è proprio quello di avere TROPPE PAROLE, che appesantiscono il senso e rendono difficile capire il messaggio finale.

Se mi è concesso il paragone:
Si puo' dire che l'Opera sta al Musical come Caravaggio sta a Monet.

Prima che tiriate fuori le carabine, mi spiego:
Nell' Opera raramente abbiamo arie totalmente decontestualizzabili (a meno che non si tratti di arie create proprio per essere poi riciclate come quelle "da baule", "da sorbetto" o di bravura).

Romanze come il "nessun dorma" sono belle da ascoltare, ma se decontestualizzate perdono il messaggio (Sì, vincerò...ma cosa?) e il senso (Nessun dorma? Il nome?).

O un'aria come "Sempre libera", rimane piuttosto oscura se non si conosce chi è la protagonista (Vo' che scorra il viver mio // Pei sentieri del piacer) e un po' d'antefatto ("ei che modesto e vigile / all'egre soglie ascese").

Fosse stato per Puccini, non avremmo avuto nemmeno "vissi d'arte" che, effettivamente , "sospende" troppo l'azione (mettendo in crisi fior di Scarpia....e di registi).

Al contrario di quanto accade dell'Opera lirica, i "brani" della commedia musicale moderna (volendo grossolanamente generalizzare, ma non è sempre così) tendono ad esprimere pochi concetti essenziali che poi, in seconda lettura, descrivono una condizione umana generale; ed è proprio questa universalità a renderli piacevoli, e fa mantenere loro un senso anche se presi fuori dal contesto della trama.

Parlando dal punto di vista testuale (da quello musicale la cosa è un po' diversa) in genere i testi musicali sono riducibili ad uno schema piuttosto semplice (cosa da tenere presente anche quando si va ad adattare un testo in un'altra lingua):

Il
ritornello
è quella parte di canzone che riassume l'intero canto e l'intera situazione solitamente in una frase emblematica che rende chiaro il concetto che si vuole esprimere, e determina spesso il successo di una canzone perché gli spettatori vi si riconoscono.
Spesso sono concepiti come veri e propri "motti": pensate a "it's time to try defying gravity" (sfidare anche l'impossibile) "this is the moment"(il punto di svolta nella vita), I dreamt a dream(Speranze di giovinezza infrante),Avoir une fille (la paternità), "aggiungi un posto a tavola" (fraternità), "liberi liberi, senza fili" (Libertà dalle costrizioni);

le strofe,
sono funzionali al dramma, portando all' avanzamento della trama generalmente per mezzo di informazioni molto concise, che se decontestualizzate perdono il senso "particolare" ma non "stonano" perché non sono troppo particolari, per fare degli esempi:
Pensate al verso in Wicked: "look to the western sky" (per indicare che il personaggio diventerà la strega dell'Ovest), o alla strofa "He slept a summer by my side,[...]But he was gone when autumn came in "i dreamt a dream" accenni che, contestualizzati, delineano l'intera storia di Fantine in 4 versi.

Un po' come le brevi pennellate di colore che vanno a formare la figura in un quadro impressionista.

domenica 17 gennaio 2010

Appunti 2 - L'Opera.... Il Musical... e l'Opera Popolare

Vorrei qui approfondire il mio punto di vista su alcuni aspetti che a me paiono importanti, ma che pochi autori, specialmente di spettacoli nostrani, sembrano aver còlto:

L'Opera.... e Il Musical...

Asserire che la Commedia Musicale (o Musical) è la forma moderna dell'Opera, sarebbe come asserire che Battisti è l'equivalente moderno di Bach: sono semplicemente due generi musicali separati, ognuno con le sue strutture, i suoi pregi e i suoi difetti.

Certo, esistono le contaminazioni (del resto, anche la Carmen nacque come "opera comica" drammatica), ma a mio parere rimangono separati.

Questa divisione a mio parere, è fondamentale anche dal punto di vista drammaturgico, cioè del "come" si va a "esporre" la storia da raccontare.

Nell'Opera si parte dalla stesura di un libretto, avente una struttura metrica abbastanza regolare e di un numero di atti variabile, da musicare successivamente:
Partendo dunque in questo modo è possibile creare un'ossatura drammaturgica più solida e compiuta, con
piu' "spazio" da dedicare alla caratterizzazione dei personaggi, delle situazioni e allo svolgimento della trama.


Nel Musical accade l'inverso
, generalmente difatti i testi sono ricalcati sulle musiche, che hanno in genere la struttura della
"canzonetta" moderna: formata da moduli semplici, ricorsivi e meno "ariosa", spesso non hanno una struttura metrica regolare .

La parte recitativa è abolita
, o appena accennata come parte del brano stesso; inoltre i drammi non superano quasi mai i due atti: percio' l'azione, svolgendosi in meno "spazio" drammaturgico, viene spesso "accennata" piu' che raccontata.

Queste caratteristiche dovrebbero essere ben chiare a chi vuol metter sù un dramma musicale, a meno che non sia già tanto esperto che puo' permettersi il lusso di "giocare" con la materia.

Accade infatti sempre piu' spesso (specialmente da noi) di assistere a spettacoli che, pur famossissimi e blasonati, non essendo né l'una né l'altra, finiscono per annoiare entrambe le categorie di spettatori:

I melomani vorrebbero un libretto più curato stilisticamente (e si trovano invece della banale simil-prosa incolonnata), e gli amanti della Commedia Musicale vorrebbero motivi più accattivanti e "immediati" (ed invece si trovano ad ascoltare un Requiem di due ore).


Ultimamente va di moda definire questi mattoni noiosi di cui sopra con in nome di "Opera Popolare".
In realtà ho impressione che si tratti di una definizione inventata di sana pianta da Cocciante per nobilitare il Fiasco degli ultimi suoi spettacoli (e di quelli che gli assomigliano).

giovedì 14 gennaio 2010

Roméo et Juliette - Versione italiana - Mort de Juliette




Questo era un brano che avevo da tempo quasi pronto perché non riuscivo a trovare un'idea sul come rendere alcuni versi... mi pareva venuto benino, e mi dispiaceva non poterlo pubblicare...

Mi ci sono un po' arrovellato, e alla fine una soluzione l'ho trovata, anche se il risultato non mi convince appieno... ma per lo meno così si puo' pubblicare :-)





















































Juliette: Giulietta:
Pourquoi rester à vieillir Senza averti a fianco a me
Dans ce monde où tu n'es plus questa vita d'ora in poi
Est-ce qu'on a le droit de choisir-Quand è una notte senza stelle
celui qu'on aime pour vous se tue un poema senza eroi.
---
Ne cherchez pas à nous comprendre
---
Questo triste mondo che
Ne cherchez plus rien de nous pare non ci voglia piu'
Brûler d'amour vous laisse en cendres-Mais ci ha rubato le piu' belle
restez cachés au froid chez vous ore della gioventù
Moi je meurs d'amour sì muoio d'amore
Moi je meurs d'amour muoio d'amore

---
Roméo, Roméo
---
Roméo, Roméo
La vie sans toi n'est qu'un mot Così tu mi abbandoni
Roméo je t'aime trop Roméo, la vita
Pour que demain le jour se lève è un sogno di rugiada che
Sans le goût de toi sur mes lèvres il sole porta via con sé
---
Roméo, Roméo
---
Roméo, Roméo
J'arrive attends-moi là-haut che il Cielo mi perdoni
Roméo je t'aime trop Romeo domani
Pour que demain le jour se couche l'allodola mi sveglierà
Sans le goût de toi sur ma bouche a fianco a te nell'aldilà.
---
Peut-être aurez vous de la peine
---
Ma che mi resta sulla terra
Moi j'en ai eu tellement pour vous quando tu non ci sei più?
Je vous laisse avec votre haine-Mais Io lascio a voi la vostra guerra
laissez-moi partir loin de vous perché il mio posto ormai è lassù
Moi je meurs d'amour sì muoio d'amore
Moi je meurs d'amour muoio d'amore
---
Roméo, Roméo
---
Roméo, Roméo
La vie sans toi n'est qu'un mot se tu qui mi abbandoni
Roméo je t'aime trop Roméo, la vita
Pour que demain le jour se lève è un sogno di rugiada che
Sans le goût de toi sur mes lèvres il sole porta via con sé
---
Roméo, Roméo
Roméo, Roméo
J'arrive attends-moi là-haut che il Cielo mi perdoni
Roméo je t'aime trop Romeo domani
Pour que demain le jour se couche l'allodola mi sveglierà
Sans le goût de toi sur ma bouche a fianco a te nell'aldilà.

venerdì 8 gennaio 2010

Il testo al microscopio: Cuore in me - Notre Dame de Paris

Il testo al microscopio:
Cuore in me - Notre Dame de Paris

Pasquale Panella ovvero: il macellaio dei versi

Se esistesse una ricetta esatta e matematica per scrivere versi perfetti saremmo tutti Ariosto; purtroppo non è così, e non è facile spiegare come scrivere un buon testo, dato che per scrivere la stessa cosa ci sono miriadi di modi diversi.

Per dirla con la filosofia: Se non si puo' definire a priori cos'è un buon testo, si puo' pero' ben definire cosa non è.

Innanzitutto ecco il testo originale, a cui ho aggiunto una grossolana traduzione in interlinea, e ho evidenziato lo schema rìmico:



Déchiré

Cuore in me

Dilaniato


Je suis un homme partagé

Che sei cosi' spezzato

Io sono un uomo conteso


Déchiré

Cuore in me

Dilaniato


Entre deux femmes que j'aime

Che il corpo ha dilaniato

Tra due donne che amo


Entre deux femmes qui m'aiment

E separato in due

Tra due donne che mi amano


Faut-il que je me coupe le cœur en deux ?

Due donne sono tue / Tu due meta'

Bisognerà forse che mi tagli il cuore in due?


[Schema: X X X X C ]






Déchiré

Cuore in me

Dilaniato


Je suis un homme dédoublé

Diviso tra due visi

Sono un uomo diviso in due


Déchiré

Cuore in me

Dilaniato


Entre deux femmes que j'aime

Tu che desideri -

Tra due donne che amo


Entre deux femmes qui m'aiment

Prendi e non sai se c'e'

Tra due donne che mi amano


Est-ce ma faute si je suis un homme heureux ?

In te piu' colpa o piu' - Felicita'

E’ forse colpa mia se sono un uomo felice?


[Schema: X X X X C ]




L'une pour le jour

Con una al sole

Una per il giorno


Et l'autre pour la nuit

Con l'altra di nascosto

Una per la notte


L'une pour l'amour

Una e' amore

Una per l’amore


Et l'autre pour la vie

E l'altra e' sangue al cuore

L’altra per la vita


[Schema: ABABA]




L'une pour toujours

Una e' sempre

Una per sempre


Jusqu'à la fin des temps

Come l'eternita'

Fino alla fine dei giorni


Et l'autre pour un temps

Con l'altra il tempo e' niente

E l’altra per un tempo


Un peu plus court

E' vanita'

Un poco più corto


[Schema: ABABA]




Déchiré

Cuore in me

Je suis un homme partagé

Tu sei diviso in due

Déchiré

Cuori che

Entre deux femmes que j'aime

Sono due muscoli

Tra due donne che amo


Entre deux femmes qui m'aiment

Che mi conoscono

Tra due donne che mi amano


Mais ce n'est pas à moi qu'ça fait du mal

Sono schiacciato ma / La forza e' mia

Ma non è a me che cio’ fa del male


[Schema: X X X X D ]



Cuore in me

Déchiré


Dilaniato

Ti senti lacerato

Je suis un homme dédoublé


Sono un uomo diviso in due


Déchiré

Cuore in me

Dilaniato


Entre deux femmes que j'aime

Che ami perche' sei

Tra due donne che amo


Entre deux femmes qui m'aiment

Amato Tu lo sai

Tra due donne che mi amano


Est-ce ma faute si je suis un homme normal ?

L'amore e' farlo e tu / Quindi lo fai

E’ forse colpa mia se sono un uomo normale?


[Schema: X X X X D ]




L'une pour le ciel

Con una in cielo

L’una è per il cielo


Et l'autre pour l'enfer

Con l'altra nell'inferno

E l’altra per l’inferno


L'une pour le miel

Una e' miele

L’una è per il miele


Et l'autre pour l'amer

E l'altra e' dolce fiele

E l’altra è per amarla


[Schema: ABABA]




L'une à laquelle

Una ascolta

Una è quella a cui faccio


J'ai fait tous les serments

Le mie promesse al vento

Tutte le promesse


Et l'autre avec laquelle

E l'altra come mento

E l’altra è quella con la quale


Je les démens

E le sconfesso

Le infrango


[Schema: ABABA]




Déchiré

Cuore in me

Dilaniato


Je suis un homme partagé

Amato ma spezzato

Io sono un uomo diviso


Déchiré

Cuore in me

Dilaniato


Entre deux femmes que j'aime

L'amore ti ha chiamato

Tra due donne che amo


Entre deux femmes qui m'aiment

E tu ti spacchi in due

Tra due donne che mi amano


Faut-il que je me coupe le cœur en deux ?

Due donne sono tue / Tu cosa sei?

Bisognerà forse che mi tagli il cuore in due?


[Schema: X X X X C ]




Déchiré

Cuore in me

Dilaniato


Je suis un homme dédoublé

Osceno piu' del sesso

Sono un uomo diviso in due


Déchiré

Cuore in me

Dilaniato


Entre deux femmes que j'aime

Per le due donne che

Tra due donne che amo


Entre deux femmes qui m'aiment

Ami e non sai se c'e'

Tra due donne che mi amano


Est-ce ma faute si je suis un homme heureux ?

In te piu' colpa o piu' / Felicita'

E’ forse colpa mia se sono un uomo felice?


[Schema: X X X X C ]





Come si puo’ notare, oltre ad avere una struttura ben definita, la versione francese ha un testo molto più semplice, chiaro e comprensibile:
veicola
poche informazioni e precise.

Ed in cui ricorre invariata la parte:
Déchiré
Je suis un homme partagé
Déchiré
Entre deux femmes que j'aime
Entre deux femmes qui m'aiment
A fissare bene il senso dell' intero testo.

Il testo italiano è molto piu’ nebbiosofarraginoso
Intricato, involuto su sé stesso a “rincorrere” rime improbabili; il tutto condito da un che di rozzo, poco delicato ed in alcuni punti pure un po’ volgare.
Tutto questo impedisce a chi l’ascolta di immedesimarvisi subito.

Analizziamo il pezzo dal punto di vista testuale:

Innanzitutto il Refrain:
Déchiré - Cuore in me
Che vorrebbe dire?!!? Una tautologia: ovvio che il cuore sta “in te”….
Espressioni come “Dentro me” e “in me” sarebbero da evitare, in quanto molto banali e abusate (la Pausini solo in Solitudine la usa circa 4 volte).

La parola “Déchiré” costituisce l’intero cardine su cui ruota il pezzo: Funge da parola chiave che riassume l’intero significato del brano.

Dovrebbe essere reso con una frase significativa, quasi un a mo' di "motto", di "slogan":
Io avrei optato per un’espressione tipo: “Due metà
In spagnolo è “Roto en dos”....rotto in due...perché no?

La Galleria degli Orrori:

Passiamo adesso in rassegna I vari orrori linguistici che si sarebbe potuto risparmiare.

Diviso tra due visi
I giochi di parole (che a Panella piacciono assai) sono pericolosi, da usare con cautela: possono essere geniali, o possono apparire banali e persino forzati.

Questo verso appartiene al secondo tipo…
l’immagine del “cuore diviso tra due visi” vuol essere poetica, ma finisce per essere rozza e ingenua.

Cuore in me
Tu che desideri -
Prendi e non sai se c'e'
In te piu' colpa o piu' - Felicita'

Questo è un altro esempio di triplo carpiato con avvitamento verbale..sì…in effetti, rileggendolo 4 o 5 volte…poi si riesce a dargli un senso...

Cuore in me
Tu sei diviso in due
Cuori che
Sono due muscoli
Che mi conoscono
Sono schiacciato ma / La forza e' mia


Qui siamo proprio all’apoteosi della cretinata…

Dunque….
Il cuore (quello in lui, e non uno che passava per caso)….è diviso in due cuori… i quali a loro volta sono due muscoli (?) che lo conoscono (?)…. Sono schiacciato ma / La forza e' mia (questo più che Febo pare Obi-Wan Kenobi).

Mi domando che si stesse fumando nel momento in cui ha scritto questa roba.

In effetti, se è vero che in quel punto, musicalmente, le sdrucciole suonano bene...
...è anche vero che non si puo' prendere e mettere lì due parole sdrucciole a caso...solo per come suonano.
Per esempio, dato che si parla di Cuore, ci avrebbe potuto far incastrare "palpito"

Cuore in me
Ti senti lacerato
Cuore in me
Che ami perche' sei
Amato Tu lo sai
L'amore e' farlo e tu / Quindi lo fai

il verso del "lacerato" passi…
Ma il resto della strofa, così gratuitamente allusiva, è un'invenzione di Panella e non ci sta.

Una ascolta
Le mie promesse al vento
E l'altra come mento
E le sconfesso

Altro caso di avvitamento linguistico (per rincorrere la rima con Vento) , il cui significato si capisce solo se si ha sotto mano l’originale…
Poi: le promesse si infrangono, le persone e le loro teorie si sconfessano.


Cuore in me
Osceno piu' del sesso
Cuore in me

E qui c’è nuovamente il sesso (probabilmente per rincorrere la rima con sconfesso della strofa sopra)….
Un’altra di quelle frasi che sembrano voler dire chissà che… ma in realtà non significano nulla.

La metrica

A mio parere e' principalmente la mancanza di una metrica regolare a dare l’impressione di un testo raffazzonato e confuso.

Puo’ sembrare una stupidaggine, ma mantenere uno schema metrico preciso (quanto possibile) è molto importante.

La regolarità della metrica aiuta ad armonizzare le parole tra loro, oltre ad aiutare l'operazione di sintesi.

Quest'armonia, di versi, di sillabe, di suoni e di rime, crea nell’ascoltatore una sorta di “meraviglia”, che contribuisce a rendere un testo facile a memorizzare e piacevole.

Non è un caso che, fino quasi all’ ‘800, tutta la grande narrativa fosse in versi.

Uno schema metrico confuso non fa capire dove vogliamo focalizzare l’attenzione.

Anche non volendo lasciare lo schema originale, la prima cosa da fare quando si ha a che fare con una traduzione metrica e di ricostruire uno schema preciso, e poi procedere alla stesura del testo stesso seguendo detto schema.

Dato che l’italiano manca di tronche, che in francese abbondano, si sarebbe potuto ricostruire lo schema metrico in modo da “ricavare” spazio per qualche piana o qualche sdrucciola.
Una possibilità.per esempio poteva essere:

Déchiré
Due metà
Je suis un homme dédoublé
Piana (che rima con lo stesso verso della strofa dopo)
Déchiré
Due metà
Entre deux femmes que j'aime
sdrucciolo
Entre deux femmes qui m'aiment
sdrucciolo
Est-ce ma faute si je suis un homme heureux ?
Tronco (in rima con lo stesso verso della strofa dopo)


Certo, non che una canzone per essere bella debba essere metrica, pero' secondo me aiuta...

mercoledì 6 gennaio 2010

Mulan - I'll make a man out of you - Italiano (Versione alternativa)

Questa è una prima versione della canzone di Mulan "i'll make a man out of you"...
c'è da aggiustarla qua e là...
ma intanto la pubblico.


Ho cercato di mantenere l' ironia del ritornello (il fatto che dica di riuscire a tirar fuori l' uomo che è in lui...quando mulan è una donna)....

Ed in qualche modo ho dovuto salvare anche il discorso della Luna, per dare un senso al fatto che nelle immagini la inquadri (inoltre, detto fra noi, l'essere "misterioso come la faccia nascosta della luna" non mi pare poi un pregio fondamentale per un guerriero).

L'unica cosa su cui mi sono preso un po' di libertà "metrica" sono quelle pause che capitano a mezzo di parola ("l'unno tre-merà" "c'è da fa-re ma")
Cosa pero' che ho visto pero' succede in tutte le lingue.... e viene risolta o con una vera pausa o con una legatura.

per intenderci, nel testo italiano "ufficiale": "la foresta è calma// ma nasco-nde in sé".

Pero' secondo me, anche staccato non stona....
Un po' come succede nella canzone "Un Año Más" dal musical "Hoy no me puedo levantar":
http://www.youtube.com/watch?v=uXGInlsOPtE


Musica originale:


Versione "ufficiale" dal dvd italiano:













































































Let's get down to business Presto di paura
To defeat the Huns l'Unno tremerà!
Did they send me daughters certo sarà dura
When I asked for sons? c'è da fare ma
------
You're the saddest bunch Da un esercito
I ever met di femmine
But you can bet e di bebè
Before we're through ricaverò
Mister, I'll
make a man out of you
uomini,
tutti voi, anche tu!
------
Tranquil as a forest Mira dritto al centro
But on fire within del bersaglio e vai;
Once you find your center Trova il baricentro
you are sure to win anche in mezzo ai guai.
------
You're a spineless, pale E da questa massa
pathetic lot apatica
And you haven't got a clue Io ben presto plasmerò
Somehow I'll
make a man
uomini,
tutti voi,
out of you anche tu.
------
I'm never gonna catch my breath le gambe, non le sento piu'...
------
Say good-bye to those who knew me...basta voglio la mia mamma!
------
Boy, was I a fool in school for cutting gymNon la sopporto l'ora di kung-fu!
------
This guy's got 'em scared to death quel tizio non ha pietà!
------
Hope he doesn't see right through me ...se pero' mi scopre è un dramma...
------
Now I really wish that I knew how to swim...io non so nuotare a dir la verità!
------
(Be a man) (Credi in te)
We must be swift as agile come
the coursing river l'argento vivo
(Be a man) (Credi in te)
With all the force con la tenacia
of a great typhoon dei samurai
(Be a man) (Credi in te)
With all the strength potente come
of a raging fire un vulcano attivo
Mysterious as the e se vorrai la luna
dark side of the moon tu la avrai!
------
Time is racing toward us Il nemico avanza
till the Huns arrive è alle porte ormai
Heed my every order lotta con costanza
and you might survive e lo vincerai!
------
You're unsuited for ma se credi di
the rage of war non farcela
So pack up, go home sai la via, va' pure
you're through addio.
------
How could I make a man l'uomo che cerco io
out of you? non sei tu!
------
(Be a man) (Credi in te)
We must be swift as Agile come
the coursing river l'argento vivo
(Be a man) (Credi in te)
With all the force con la tenacia
of a great typhoon dei samurai
(Be a man) (Credi in te)
With all the strength potente come
of a raging fire un vulcano attivo
Mysterious as the e se vorrai la luna
dark side of the moon tu la avrai!
------

Questo invece è il testo Italiano "ufficiale" Disney:

Li Shang:
Se cercate un fatto,
io ve lo darò
Gli Unni han vita corta,
chi vivrà, vedrà

E anche se voi siete deboli
Lavoreremo ancora di più
Si vedrà
l'uomo che
non sei tu

La foresta è calma,
ma nasconde in sè
Mille e più minacce
vi transformerò

Fino a fare di voi
degli uomini
Sempre pronti a tutto e poi
Degli eroi, come me, anche voi

***Davvero non ne posso più.
***Qui ci lascerò le penne.
***Oh ma che schifo la ginnastica

***Così li distruggerà
***Spero che non se ne accorga
***Di nuotare non sarò capace mai


All:
E sarai
Li Shang:
Veloce come è veloce il vento

All:
E sarai
Li Shang:
Un uomo vero senza timori

All:
E sarai
Li Shang:
Potente come un vulcano attivo
Quell'uomo sarai che adesso non sei tu

Li Shang:
Manca poco tempo gli Unni ormai son qui
Sopravviverete spero ma non so

Io combatterò, ma senza voi
E quindi va, non servi più
L'uomo che cerco io, non sei tu

All:
E sarai
Li Shang:
Veloce come è veloce il vento

All:
E sarai
Li Shang:
Un uomo vero senza timori

All:
E sarai
Li Shang:
Potente come un vulcano attivo
Quell'uomo sarai che adesso non sei tu