martedì 15 novembre 2011

Moulin Rouge - the show must go on - (versione moulin rouge) italiano

Moulin Rouge - Show Must Go On - versione italiana (moulin rouge)
Stavolta ho scomodato pure Freddy,... non me ne vigliano i fans, non credo d'averla distrutta dopotutto...



Zidler:
(Recitato)
Another hero, another mindless crime                Un altro lutto - un'altra vittima
Behind the curtain, in the pantomime                per il debutto - della recita

(Cantato)
On and on,                             uno in più
does anybody know what we are living for?            che passa inosservato tra gli applausi.
                                   
Zidler & Chorus:                               
Whatever happens, we leave it all to chance            Un altro ingrato - destino in bilico
Another heartache, another failed romance            sacrificato ad un Dio cinico
On and on,                             uno in più
does anybody know what we are living for?            che passa inosservato tra gli applausi,
                                   
The show must go on                        The show must go on
The show must go on                        The show must go on   

Outside the dawn is breaking              si è alzata già la tela
on the stage                             tocca a te    
that holds our     final     destiny                    indossa    la tua maschera!

The show must go on                        The show must go on
The show must go on                        The show must go on

Satine:
Inside my heart is breaking                    Il cuore batte infranto
My make-up may be flaking                    e il trucco cola al pianto
But my smile still stays on                    ma un sorriso e si va!

Zidler & Chorus:
The show must go on                        The show must go on
The show must go on                        The show must go on
   
Satine, Zidler & Chorus:
I'll top the bill,                         Ci riuscirò   
I'll own the kill                        resisterò
I have to find the will to                     E a denti stretti
carry on                            porterò

All:
on with the                            avanti
On with the                            avanti
On with the show!                        avanti lo show!
                                   
Zidler:
On with the show!                        via con lo show!
On with the show!                        via con lo show!   
The show must go on!                        The show must go on!   

venerdì 21 ottobre 2011

Alan Menken - Sister Act - When I find my baby - italiano










































































































































[...]
SHANK:
I know the way that she thinks, Di lei so fisse e manie
I know her habits and kinks. forse anche più delle mie,
I know the staff she’s all about. so tutti quanti i suoi viavai.
I know the people she knows conosco i giri che ha
at all the places she goes. E i posti dove lei va
I know her up, down, inside out. Di lei so vita morte e guai
I know the needs that she’s got, Conosco tutto di lei
I know what gets the girl hot. come un segugio saprei
I know I’ve got the inside track. fiutare ovunque la sua scia

And yeah, I know she’s upset – e lascio che giochi un po'
Well, let her play hard-to-get. a nascondino ma so
‘Cause if I know one thing, I’m che presto, molto presto
gettin’ her back! lei sarà mia.
Because I know that girl! Dolcezza, bambola
I mean, I feel that girl! sai troppo bambola
I understand that girl! per questo bambola
And if I want that girl! ti cerco bambola
I’m gonna get that girl! ti trovo bambola
Ain’t gonna let that girl e allora bambola pagherai
get away!No way! vedrai
And when I find that girl, E quando mia sarai
I’m gonna kill that girl! bambola addio bye bye
I’m gonna wham! Bam! Blam! un lampo e wham! Bam! Blam!
And drill that girl! ed a mai più
Won’t rest until that girl ti spedirò laggiù
is safe and sound six feet below – no! d'insetti e vermi in compagnia - no
When I find my baby, sei già mia bambina
I ain’t lettin’ her go! non puoi fuggire, no.
SHANK/GOONS:
I bet wherever she’s at Scommetto ovunque tu sia
I bet she’s trapped like a rat già nella pelle non stai
and pacin’ up, down, ‘round the floor. sei preda della frenesia
(Sure, sure.) (sì, oh, sì )
I bet she’s startin’ to sweat. Sudi e non sai come mai
That girl is buggin’, I bet. ti senti come in balia
Bet she’s got one eye on the door. ad una strana nostalgia
(Tell us more!) (che sarà?)
I bet she’s missin’ her gigs. Perché ti manca lo so
I bet she’s missin’ her booze, la folla il wisky e lo show;
I bet she’s tearin’ out her hair. ti acclama il pubblico, non vai?
(Yeah, yeah!) (Yeah, yeah!)
I bet she’s missin’ her fun, Che vuoi? sei fatta così,
and gettin’ ready to run. sei nata per lo showbiz
And when she does, ritornerai
you bet I’m gonna be there. e allora io sarò lì
GUYS/SHANK:
Because you know that girl! sei morta Bambola
(I know her!) (sei morta)
You see right through that girl! ti ammazza bambola
(See right through her!) (sei nei guai)
You understand that girl! perché sai bambola
(I understand what I) (tu non immagini)
And when you get that girl, un morto bambola
(have got to do to her) (come ti riduco)
you’re gonna waste that girl, non canta bambola
(‘cause when I get her) (ad un osso buco)
‘cause you can’t let that girl no, morti non si puo'
(ain’t gonna let her squeal) (da morta non farai)
go and squeal. far la spia
( for real.) (la spia)
SHANK/GOONS:
I’m gonna shoot that girl! e fucilandola
(shoot that girl!) (...landola)
And then I’ll stab that girl, o accoltellandola
(stab that girl!) (...landola)
and then I’ll take her un colpo diritto
(take her!) (dritto)
and shake her, nel cuore
(shake her!) (nel cuore)
and make her meet her maker! la maderà creatore
(meet her maker!) (dal creatore)
Let ‘em hide that girl Muori bambola
(let ‘em hide that girl!) (Muori bambola)
sure as the tide, that girl Aspetta bambola
will show – Oh! (Oh!) e Vedrai Ohh...
When I find my baby, sei già mia bambina
I ain’t lettin’ her go! non puoi fuggire, no.
Yeah, yeah. si, sì
Oh yes, I know that girl! Sei già mia bambola
(know that girl!) (bambola)
And man, I need that girl! io voglio bambola
(need that girl!) (bambola)
I gotta have that girl! come una bambola
(have that girl!) (bambola)
So I can snuff that girl! straziarti bambola
(snuff that girl!) (bambola)
If I know my baby! (Ahhhh!) fuggi via bambina
She’s already runnin’! (Ahhhh!) ma non puoi scappare;
That’s how my baby forza bambina
is gonna be done in! e fatti ammazzare.
I’m gonna drown that girl! Prima annegandola
(drown that girl!) (...gandola)
Or disembowel that girl! poi sbudellandola
(disembowel that girl!) (...landola)
Or give her skull a big dent spaccarle il cranio col crick
(Oooooh!) (Oooooh!)
with a blunt instrument! fa il finale più chic
I tell ya, soon that girl Tra poco bambola
(soon that girl) (bambola)
is lookin’ at a world t'insegnerò cos'è
of woe! – l'agonia.
Wo, (wo, wo ,wo!) wo, wo! wo wo wo
When I find my baby, tu lo sai bambina è
I ain’t lettin’ her go! (No!) come fossi già mia
I know she ain’t gone too far! (Oh!) Non è lontano lo so
Go and check each discothecque, Controllate a fondo ogni
tavern and bar! bar o bistrot.
Go and find my baby – E la mia bambina
(We’ll find your baby.) (la troveremo)
I ain’t lettin’ her go! no, sfuggire non può.
(Ah! Oh no!) (Ah! Oh no!)
Oh no! Oh no!

mercoledì 19 ottobre 2011

Alan Menken - Sister Act - The life i never led - italiano

Questo è uno di quei testi tirati un po' via sul finale per la fretta di finire...ma non è venuto malaccio...






























































































MARY ROBERT: MARY ROBERT:
I've never talked back, mai detto di no
I've never slept late, mai fatte le sei
I've never sat down né mai fatto ciò
when told to stand straight che far non dovrei
I've never let go Mai presa una via
and gone with the flow, che va...non si sa
and don't even know, really, why. e senza saperne il perché.

I've never asked questions, Mai stata curiosa
or taken a dare. né corso dei guai
I've never worn clothes mai messo qualcosa
that might make people stare. d'audace, né mai
I've never rebelled, difeso un'idea
or stood up and yelled, gridato uno "yea!"
or even just held my head high. né stata mai fiera di me.
......
And all of the feelings unspoken, E un mare di soli rimorsi
all of the truths unsaid, è tutto quello che
They're all that remain mi resta degli attimi
of the life I never led. non vissuti mai.
......
I've never gone surfing, Mai corso nel grano
or ran with a crowd. lasciando la scia
Or danced on a table, o riso impazzita
or laughed much too loud. per un'idiozia
......
I've never quite dared Non ho osato mai
to leave myself bared - di espormi un granché
I've just been too scared I might fall, temendo che poi sbaglierei
......
I've never seen Paris, Mai vista Parigi
swum naked,been kissed. Atene, Pompei,
I've never quite realised passando i miei giorni
just how much I've missed tra i forse e vorrei
......
And what did I get ma adesso cos'ho
for hedging each bet? dai miei non si puo'?
Another regret, and that's all. un altro rimpianto dei miei.
......
And all of the wishes unasked for, Nel mare di questi rimorsi
All of the needs unfed - ditemi voi cos'è:
They're all that remain che resta degli attimi
of the life I never led. non vissuti mai.
......
And now... così...
now that you've given me one little taste of it ora che so cosa vuol dire vivere
......
And now... così...
now that I know what I know - ora che so quel che so
......
Well how... dovrei...
how can I go on ignoring the waste of it? dovrei ignorare quel che potrei perdere?
......
After all of the years e tornare alle mie
that I've clung to my fears. cento mille fobie
Won't you help me let go? da cui voglio andar via?
Help me let go! voglio andar via
......
I want to be brave, Non chiedo di più
I want to be strong. poter d'ora in poi
I want to believe gridare di no
I'm where I belong. a tutti i "non puoi"
To stand up and say Poter dire che
"I'm seizing the day" la scelta sta a me
To not just obey, but to choose. su quale sarà la mia via.
......
And I may not surf, Chissà se vedrò
I may not see France. Atene o Pompei,
but I want to know ma adesso io so
I still have the chance. che un giorno potrei.
......
And maybe I'll make e sia quel che sia
a painful mistake. coraggio o follia
It's mine though, to take or refuse. la strada intrapresa è la mia!
......
And all of the doors yet to open, Ho aperto una porta su un mondo
all of the rooms ahead - tante opportunità
splendido che
scary and new - spaventa un po'
......
But I'm standing tall, Ma lo sfiderò
and I'm walking through. e avanti così
che indietro da qui
but I won't go on tornare oramai
playing dead! non si puo'
......
It's time to start living per prendermi gli attimi
the life I never led. non vissuti mai

lunedì 17 ottobre 2011

Alan Menken - Sister Act - lady in the long black dress, - italiano

(Non trovo il brano sul tubo, sorry)


[...]
Picture you and me one sweet, sweet night Noi due soli in mezzo a una marea
in a pool of votive candlelight. di lumini accesi in sagrestia,
Just one thing could make the mood more right – Mentre intorno gli angeli in livrea
God droppin' in to sing like Barry White. cantano tutti in coro Berry White


Hey, lady in the long black dress, hey tu bellezza in tonaca
let's give you something to confess. il nero sai mi provoca
Hey lady, take a good long glance. Hey baby qui davanti a te


I ain't no pastor – in tua presenza
I'm a stone cold master vedi un'Eminenza
of romance! dello charme


TJ:
[...]


Loosen up those vestments, just a bit. Lascia quel brevieario vieni qua
Drop that Bible, baby yeah, that's it. sciogli un po' la veste sì così
See, I know what all your vows permit – so che il tuo voto impone castità
and I don't mind keepin' it immaculate! ma vado matto per le suore in lingerie!


TJ/DINERO/BONES:
Hey, lady in the long black dress, hey tu bellezza in tonaca
(hey! long black dress)
let's sneak away and go transgress. gran bel pezzo di...monaca
(go transgress)
Wo oh oh! (wo, wo)
Hev lady, why not take a chance? Avanti usciamo dai cliché
(hey lady, why not take a chance?)


Come on, proud Mary, Via quel rosario
meet your missionary ecco il missionario
of romance. dello charme
DINERO/TJ/BONES:
Why not lose that veil and wimple, baby! C'è una via non scritta nel vangelo
Have some sacramental wine! per il paradiso, sai?
Let me lay it on ya simple, baby – Togliti la veste, sciogli il velo...


BONES:
Sister, you know I gotta… Baby fatti adorare...


TJ:
so let me worship ...come un altare
at your shrine. d'abbazia


BONES:
And if you got stigmata… Se tu mi mostri l'ara


TJ/BONES:
show me yours, I’ll show you mine! io ti mostrerò la mia!


DINERO/TJ/BONES:
Ay, mami, en el vestido provocativo! Ay, mami, en el vestido provocativo! (oh wo)
Porque es Cristo tu hombre exclusivo? Porque es Cristo tu hombre exclusivo?


TJ/BONES:
Hey lady, no more won’ts or can’ts! Bellezza basta castità


DINERO:
Soy amoroso! Soy amoroso!


TJ:
I'm a virtuoso! Sono virtuoso


BONES:
And lf I'm just so so… ...e se non ci so fare..


TJ/BONES/DINERO:
frankly, you won't know, so – non lo puoi notare...


TJ:
sweet lady in the long, black dress! hey tu bellezza in tonaca


DINERO/BONES:
Sweet lady! Bellezza




TJ/BONES/DINERO:
Please tell Mi basta
me what's latin for ‘yes'? un semplice "sì"


Wo oh oh! Wo oh oh!
Hey lady, don'tcha look askance! hey bella non fuggire via.


Come on, say hiya Sai, Gesù cristo
to your love Messiah ha avuto un imprevisto
and don't make me try a manda me al suo posto
new advance. basta un si




Forget Jehovah, Javè è assente
'cause the wait is over. ed io certamente
Come to Casanova sono più caliente
for romance. dimmi di si






BONES:
[Man, we're smooooth eh!]


TJ:
[No nun can say no to us!]


DINERO:
[Vamos, hermanos! Al convento!]


BONES: BONES:
Wo wo baby, baby baby oo Wo wo baby, baby baby oo


DINERO: DINERO:
Wo wo wo – oo Wo wo wo – oo


TJ: TJ:
Wo wo yeah veah yeah Wo wo yeah veah yeah


TJ/BONES/DINERO: TJ/BONES/DINERO:
Wo wo! Wo wo!

Io, Sister Act e la Stage Entertainment.

Dunque
Tutto inizia l'anno scorso, circa, quando vedo il bando per le audizioni de "La Bella e La Bestia".
Come ho fatto altre volte (Così alla Rancia come alla Disney, che manco m'han risposto) mando anche io una mail offrendomi per una mano riguardo le traduzioni...perché non si sa mai...

Dopo diversi mesi, inaspettatamente, ricevo una mail di Federico Bellone (il direttore artistico della compagnia)che mi chiede il curriculum per un'eventuale "collaborazione futura".
Cosa che ovviamente faccio, ma a cui però non fanno seguito più mail.
Io interpreto questo silenzio come un implicito rifiuto...non voglio rischiare di passare per un rompicoglioni e mi dimentico della cosa.

Passa qualche mese e vedo il bando per Sister Act, al che ci riprovo, dato che dalla prima mail mi parevano ben disposti...poteva darsi che si fossero semplicemente dimenticati.

Inaspettatamente ricevo una nuova risposta di Bellone, stavolta mi mette alla prova, chiedendomi le bozze di "traduzione" di 3 brani dello spettacolo (Lady in the long black Dress,When I Find My Baby, The Life I Never Led) .
Già l'essere preso in considerazione mi gratifica non poco.

Mi chiede quali siano i miei tempi...
...io, non sapendo quali siano i tempi "standard" per un lavoro del genere e non conoscendo i brani, gli chiedo dieci giorni.
Riesco pero' a terminare tutto e ad inviarlo entro tre giorni.

Dopo qualche giorno ricevo una telefonata al cellulare del direttore artistico in persona il quale mi informa che i testi sono stati inviati a Menken in persona, che ha però deciso di continuare ad avvalersi della collaborazione dei precdenti collaboratori (Travaglio, suppongo io).

Mi fa pero' molti complimenti dicendo che è rimasto favorevolmente colpito da quanto letto sul sito, e dal mio lavoro svolto già sulle musiche di Menken stesso (Credo si riferisse ad Hellfire della Disney)

La loro scelta è comprensibile e giustificabilissima, ed anche io stesso non so se sarei stato in grado di sobbarcarmi l'impegno d'un intero spettacolo di respiro nazionale tutto da solo come primo impegno "serio".

Già il fatto che si siano premurati di telefonarmi di persona significa che in qualche modo mi hanno preso in considerazione seriamente, e questo per me è già abbastanza.

Adesso che mancano pochi giorni alla prima, e che ormai i giochi sono fatti, ho deciso di pubblicare qui le famose "prove".
Tenete conto che ho avuto solo 3 giorni, percio' in qualche punto, specialmente nei finali, sono tirate via: ma il brano c'è.
In definitiva poter confrontare le due versioni è anche un esperimento curioso,per me, per vedere come abbiano risolto quei punti che per me sono stati ostici.

martedì 4 ottobre 2011

ロミオとジュリエット ovvero, Romeo et juliette in salsa nipponica...


Non sono solito postare queste cose, ma dato che tratto e mi interesso di versioni ritmiche ed adattamenti stranieri....

Sono riuscito a scovare questa chicca che sono sicuro interesserà a molti...

Il video in discreta qualità della versione nipponica (una delle due versioni a quanto pare) dello spettacolo francese.




http://www.tudou.com/programs/view/QTHiwmqkhiw/

Molto interessante da diversi punti di vista...

Qui ci sono un paio di trascrizioni e traduzioni:
http://www.conceitedindependence.com/romeo-juliette-songs.shtml

Va ad aggiungersi dunque alla versione inglese, ungherese e a quella tedesca (reperibili abbastanza facilmente sul tubo).

Una volta esisteva un fantastico sito che metteva a confronto minuziosamente le varie versioni con tanto di testo a fronte.

Molto utile per chi, come me, è in cerca di spunti su come meglio adattare i testi...
Purtroppo il sito non lo trovo più. Temo sia stato chiuso...

domenica 25 settembre 2011

Antonio Machado - Antonio Machado - italiano

Letra de Serrat con un poema de Antonio Machado. Canta SERRAT. Música de Serrat.
Versione italiana del sottoscritto.
















































Todo pasa y todo queda, Tutto passa e tutto resta,
pero lo nuestro es pasar, ma questo nostro è un passar
pasar haciendo caminos, passar tracciando il sentiero
caminos sobre la mar. come le navi sul mar
Nunca perseguí la gloria, Mai cantai cercando gloria
ni dejar en la memoria né per dare alla memoria
de los hombres mi canción; della gente una canzon.

yo amo los mundos sutiles, Adoro i mondi sottili
ingrávidos y gentiles, leggeri lievi e gentili
como pompas de jabón. come bolle di sapon.

Me gusta verlos pintarse Amo vederle librarsi
de sol y grana, volar nel sole rosso e volar
bajo el cielo azul, temblar là nel cielo blu, tremar
súbitamente y quebrarse... rapidamente e disfarsi.

Nunca perseguí la gloria. Mai cantai cercando gloria
Caminante, son tus huellas O viandante il tuo cammino
el camino y nada más; fa il sentiero e niente più
caminante, no hay camino, o viandante il tuo sentiero
se hace camino al andar. passo passo lo si fa.

Al andar se hace camino Lo si traccia passo passo
y al volver la vista atrás e al voltarti indietro tu
se ve la senda que nunca dietro a te vedrai la strada
se ha de volver a pisar. Che non calpesterai più
Caminante no hay camino O viandante il tuo cammino
sino estelas en la mar... è una traccia sopra il mar.

Hace algún tiempo en ese lugar Gìà Tempo addietro in questa città
donde hoy los bosques se visten de espinos dove oggi i boschi si veston di spine
se oyó la voz de un poeta gritar: si udì a gran voce un poeta gridar
caminante, no hay camino, O viandante il tuo cammino
se hace camino al andar. o traccerai con l'andar
Golpe a golpe, verso a verso... Passo passo, verso a verso.

Murió el poeta lejos del hogar. Morì lontano dal suo focolar
Le cubre el polvo de un país vecino. giace sepolto in un luogo vicino
Al alejarse le vieron llorar. C'è chi lo ha udito piangendo spirar:
caminante, no hay camino, o viandante il tuo cammino
se hace camino al andar. lo traccerai con l'andar
Golpe a golpe, verso a verso... Passo passo, verso a verso.

Cuando el jilguero no puede cantar, Quando il fringuello non può più cantar
cuando el poeta es un peregrino, Quando il poeta è un pellegrino
cuando de nada nos sirve rezar. Quando non serve più a niente pregar
caminante, no hay camino, o viandante il tuo cammino
se hace camino al andar. lo traccerai con l'andar
Golpe a golpe, verso a verso... Passo passo, verso a verso.

sabato 24 settembre 2011

Que venha se tiver de vir - Cantares - Ronaldo Miranda

Purtroppo non ne trovo di edizioni decenti sul tubo come quello che ho qui sul disco, accontentatevi...

http://www.youtube.com/watch?v=dmhmzknYNR4






















Que venha se tiver de vir esse amor assim, assim.

Che venga se dovrà venire un amor così
Que venha brando como a brisa imaterial da madrugada
venga leggero come brezza nei mattini trasparenti
Calmo e sem pernoites
premuroso e pronto
Mais feito de auroras que de noites.
Sia fatto più di aurora che tramonto.
Que venha se tiver de vir esse amor assim, assim.
Che venga se dovrà venire un amor così
Venha em silêncio como um barco deslizando na corrente,
venga in silenzio come nave liberata alle correnti
Suave e com recato,
semplice ed astratto
Mais feito de olhar que de contato
sia fatto più di sguardo che contatto
Que venha se tiver de vir esse amor assim, assim.
Che venga se dovrà venire un amor così
Que venha puro como as aves imigrantes sem pousada,
Che venga puro come uccelli migratori ai quattro venti
Franco e contente,
libero e ridente
Mais feito de futuro que de presente.
Più fatto di futuro che presente
Que venha se tiver de vir esse amor assim, assim.
Che venga se dovrà venire un amor così
Que venha assim esse amor a mim,
Venga così quest'amore a me
Se vier por si,
se verrà da sé
Se vier por ti.
se verrà per te.

domenica 21 agosto 2011

[Musical e Dintorni]Videorecensione - I promessi sposi di Michele Guardì

Per chi non l'ha ancora vista, ecco la mia videorecensione de i Promessi Sposi di Guardì.

martedì 5 luglio 2011

[Libero Sfogo] "I Promessi sposi" di Guardì ...Scava scava si scoprono gli scheletri...

Un pò di sane polemiche estive in puro stile Signorini:

Sorvolando sul fatto di aver affidato la parte ad una Noemi Smorra secondo me inadatta (Dice che abbia parenti in RAI, in realtà è figlia di un musicista,Mario Smorra; tuttavia la scelta d'una Lucia così inadatta,l'unica che non è stata presa dal cast di NDP e senza fare il minimo provino, mi puzza)

Sul corpo di ballo riciclato dalle comparse dei Fatti Vostri.

E sul fatto che sia stato riconfermato in toto il cast di NDP senza nemmeno fare dei provini.

Ultimamente mi sono incaponito di fare un po' di ricerche sulle attività del M° Pippo Flora, precedenti alla data d'uscita del musical.

Non c'è molto, e, se è vero che guardì lo definisce "Il più grande compositore contemporaneo" (in un eccesso di rufianeria, certo) la cosa mi pare strana.
Un qualsiasi musicista che sia un minimo apprezzato lascia sempre, quantomeno delle impronte...
Non ha pagina wikipedia, ma questo non vuol dir niente (Mentre, per inciso c'è la pagina di una Giovanna Flora c'è una giovanna flora, autrice dei programmi tv di Guardì (e con le mani in pasta pure nel musical), un caso?

Pippo Flora
Ovvero: Come
a 70 anni ti riciclo I Promessi Sposi.


Scava scava, si scopre che il buon Pippo Flora era già stato autore di un paio di drammi
(Nela e Sahabin, Un Ulisse ed un Orfeo)...

Incuriosito sono andato a cercare qualche brano da questi spettacoli...ed ecco il risultato:

http://www.youtube.com/watch?v=sq7lkryJRhE

Vi ricorda qualcosa?
Confrontatelo un po' con l'Addio ai Monti:
http://www.youtube.com/watch?v=qYiBTyatklo

Dunque, non solo l'opera è un continuo copincollare gli stessi pezzi...ma questi pezzi sono pure riciclati da chissà quali altre composizioni (ed a 73 anni, uno ne ha di roba da riciclare).

E' vero che l'autoimprestito è una pratica abbastanza comune nella musica, ma certo non è il modo migliore di portare rispetto agli spettatori, specialmente quando si spaccia quella musica per nuova.

PS: Esorto chi avesse delle registrazioni dei suddetti spettacoli a farsi avanti, mi piacerebbe ascoltarle, a sto punto.

domenica 10 aprile 2011

[Libero Sfogo] La divina commedia di Frisina... (Sì... ma la messa è meglio in chiesa)

La divina commedia di Frisina...
(Sì... ma la messa è meglio in chiesa)


Ho visto per la seconda volta il dramma musicale e ascoltato diverse volte il cd, cercherò di darne un giudizio il più obiettivo possibile.

Sinceramente non me la sento di esprimere giudizi sugli interpreti, che a quanto ho visto hanno talento, tanto da riuscire a colmare spesso le carenze che questa, come molte altre opere contemporanee , hanno di base.
Mi spiace solo che non siano valorizzati abbastanza, e che spesso si impieghino artisti e interpreti (selezionati tra un esercito di migliaia) la cui qualità è spesso superiore al testo che sono chiamati ad interpretare; ci possono mettere del loro quanto vogliono, ma più di tanto non possono fare.

Effettivamente qui siamo sopra alla media, specialmente dal punto di vista musicale (Frisina dimostra di essere uno che SA scrivere buona musica ogni tanto) ci sono effettivamente dei begli spunti però, nonostante qualche bella paginetta, l'opera non riesce mai particolarmente a "rapire lo spettatore", che in genere si sente soffocare in un'inondazione di note e parole.

Nonostante infatti gli autori cerchino di "tirar via" in maniera anche piuttosto grossolana la seconda parte riguardante purgatorio e paradiso, l'opera non riesce mai a catturare l'attenzione più di qualche secondo.

Gli autori, entrambi sacerdoti , non hanno saputo togliersi l'abito talare neppure nello scrivere quest'opera, che effettivamente "puzza" terribilmente di chiesastico.

Intendiamoci, non c'è nulla di male nell'essere dei religiosi e scrivere opere "laiche" (Da ponte, parini, Vivaldi lo erano), ma in questi casi bisogna saper lasciare da parte la retorica da pulpito e riscoprire la propria anima "secolare".

Il risultato complessivo è quello di un'opera che prende sé stessa troppo sul serio, lenta e maestosa spesso fino all'eccesso, scadendo spesso nel retorico e nel dottrinale, senza però mai avere un'anima vera e propria, un messaggio, un fine e un'individualità tutta sua.

Tutto questo, alla lunga, riesce ad annoiare anche chi, conoscendo la commedia piuttosto bene, riesce a seguire le vicende.
Certo chi è a digiuno di letteratura non ci capisce una mazza (e, per inciso, un buono spettacolo teatrale dovrebbe essere quantomeno sufficentemente autoesplicativo).

Capisco che il soggetto non fosse facile, però la bravura d'un autore sta anche nel riconoscere le proprie possibilità (o almeno nel riuscire a mettere insieme un gruppo d'autori adatto alla difficoltà che si trova ad affrontare).

L'opera ha diversi problemi, sia a livello musicale, che a livello di libretto che a livello di costruzione e di "concezione", e ora vi spiego secondo me quali sono:


La Musica.
Sulla musica posso solo dare un parere personale: Come già detto, c'è qualche bel tema accattivante e ben scritto (Mi è piaciuto il brano di Caronte,non a caso il brano piu' leggero, per motivi che spiegherò anche più avanti), però per il resto si cerca di "allungare il brodo" con musica che "gira a vuoto".
Frisina,per quanto apprezzato autore di musica sacra (e colonne sonore di film sulla Bibbia), tratta la maggioranza dei brani come se fossero preghiere, complice anche il libretto, facendoli risultare lagnosi.

Per inciso:
NON CHIAMATELA OPERA!
Sinceramente mi dà veramente fastidio sentir chiamare questa "cosa" con l'appellativo di Opera.
Mi dà un po' l'idea di voler nobilitare con un nome altisonante qualcosa che tutta questa nobiltà non la ha.
L'opera ha i suoi schemi, le sue caratteristiche, il suo modo di esecuzione,
NON ammette l'uso di macchinari sintetici di nessun tipo
e soprattutto viene scritta partendo da un LIBRETTO SERIO e drammaturgicamente sensato che viene successivamente musicato.

Il libretto
Qui mi sento di poter dire di più.
All'estero nelle produzioni più ambiziose gli autori sono più di uno. qui Il libretto è stato affidato (per così dire) a Gianmario Pagano (che a dispetto del nome è un prete), già autore di sceneggiati tv a tema religioso (dove aveva già collaborato con Frisina).
Evidentemente però senza molta esperienza nell'uso e nella composizione di versi.

Come librettista ha infatti fatto ben poco, l'opera infatti è un po' "ruffiana", a scanso di critiche questi si è limitato a tagliare (senza la minima cura alla metrica) "pezzi" dell'originale, cucendoli con recitativi che risultano fin troppo prosastici.

Senza capire che la bellezza d'un poema sta nella "perfezione" metrica, che giustifica anche i molti barocchismi del testo, togliere la metrica e le rme è come togliere una chiave di volta: il testo si trasforma in un insieme di espressioni e perifrasi inutilmente astruse.


Il risultato d'un libretto costruito in questo modo, sono versi piatti che mancano di ritmo, di rime e di sintesi (perché l'endecasillabo dell'originale porta ad allungare il verso) , piene zeppe di arcaismi e perifrasi che hanno perduto il loro motivo:

Un po' come leggere una poesia in parafrasi: spesso la bellezza non sta in cosa si dice ma in come lo si fa.

"Salsi colui che inanellata pria,
disposando m'avea con la sua gemma"
"Amor che a nullo amato amar perdona"

Sono espressioni che, tolte dal contesto, risultano inutilmente ermetiche.

Basta ascoltare l'aria di Ulisse (ben 7 minuti per dire 3 cose) per rendersene conto.

Cambiando il "Mezzo" di "rappresentazione", il dramma andava RISCRITTO totalmente in maniera APPROPRIATA al mezzo (con qualche citazione volendo); Certo, scelta coraggiosa, ma necessaria anche per dare "vita propria" al dramma e una lettura personale.

Pensate a quello che si è fatto con Jesus Christ Superstar:
Sono state fatte delle scelte coraggiose... dando una lettura originale e personale...ed infatti i personaggi lì "Vivono" e, pur rispettando grossomodo le Scritture, non si limitano a ripetere i passi della Bibbia come il prete in chiesa.

La vicenda è poi svolta senza scossoni, come in un teatrino:
I personaggi si alternano sulla scena e raccontano la loro storiellina (tramite il solito frullato dantesco), finito questo avanti un altro, senza mai spiegarci esattamente il succo del discorso, Qual è l'insegnamento? il messaggio?
Quale tassello ha portato quel personaggio allo svolgimento della trama e al raggiungimento degli obiettivi (che non vengono mai esattamente chiariti) del protagonista?

Queste sono domande che un buon autore non dovrebbe mai tralasciare: ciò che non serve alla trama, non va neppure rappresentato.

Come ho già detto, l'unico personaggio che canta qualcosa di ricordabile è un personaggio secondario cui, non parlando molto nella commedia, si è dovuto scrivere un'aria Ad Hoc, sto parlando di Caronte e dell'aria "Guai a Voi"

Poveri voi ricchi
che non avete pianto,
vendeste il cuore
per oro falso
cercando ciò che non sazia,

ciechi che non vedete
chi tende la sua mano,
chi disperato chiede a voi
un segno di speranza...

gente perduta senza pietà
la vostra vita senza l'amore,
ora la morte viene per voi...
il regno delle tenebre!
guai a voi!


Unica aria dove, in versi abbastanza sintetici e diretti, il personaggio ci spiega quale sia il suo messaggio: "Non fate come questi dannati che hanno goduto in vita e cui ora tocca l'inferno".


L'amore secondo Frisina.

Precedentemente ho detto che non ci sia una lettura personale, ma in effetti una lettura c'è(purtroppo, finisce per sminuire l'opera dandole un tono devozionale e chiesastico),

La Commedia è certo difficile da sviluppare, essendo un poema didascalico, si limita ad "elencare" ciò che il poeta vede, e non abbia una trama di tipo classico; c'era dunque da creare una sorta di "motore", "giustificazione" o "motivo" all'esperienza "mistica" dantesca.

Secondo l'interpretazione di Frisina &C. Dante intraprenderebbe il viaggio nei tre regni per raggiungere l'"Amore" nella figura di Beatrice (e per questo motivo si cerca di far entrare, spesso veramente a forza, la parola Amore dovunque, e ciò dà un che di infantile); Mentre la parola "PECCATO" (che dovrebbe essere un po' la chiave un dramma così) non viene mai nemmeno usata.

A mio parere una tale interpretazione "sempliciotta" non regge da nessun punto di vista (e spiego perché piu' avanti).

L'Amore secondo la Commedia (vera)

Piccola digressione: Se proprio vogliamo essere pignoli, è vero che la Commedia parli spesso dell'amore poiché, attraverso il concetto di Amore (inteso come tensione verso qualcosa), Dante giustifica e "progetta" (in maniera geniale) la complessa struttura dell'intero mondo ultraterreno (Vedi Inf. Canto XI, ma specialmente Purg Canto XVII vv 91 e segg. e Par canto VII vv.64 e segg.), tuttavia questo non ha nulla a che vedere col MOTIVO per cui Dante compie il Viaggio.

L'"Amore" sta a Dante come i sanpietrini stanno al pellegrino.

In due parole:
  • Nell' Inferno troviamo coloro che per scelta deliberata, avendo diretto il proprio amore verso un oggetto sbagliato (esempio il bene di sé stessi), hanno causato danno ad altri, alla natura e/o offesa a Dio (con la forza bruta o, peggio ancora, con l'astuzia).
  • Nel Purgatorio si punisce invece la mancanza, per eccesso di amore nelle cose (lussuria, gola avarizia), per il poco (accidia) o per l'amore mal riposto (ira invidia superbia).
  • In Paradiso invece sono premiati coloro che hanno votato la propria vita a Dio e coloro che hanno dimostrato il proprio amore agendo con opere.

(Non che fosse necessario inserire tutto pistolotto filosofico nella riduzione teatrale, ma nemmeno di ridurla ad una banalità così disarmante!)

L'uomo che cerca l'Amore: una scusa che non regge.

Purtroppo questo tipo di buonismo spicciolo riscontra spesso nelle opere a tema religioseggiante:
I religiosi tendono ad abusare del concetto di Amore ( Cosa di cui ho già parlato ampiamente).

Nel "mondo secolare" però l'amore non è mai fine a sé stesso, ha sempre una componente "fisica", di "vicinanza", di "contatto" con la persona amata.

Romeo e Giulietta si rincorrono per tutto il dramma (e si uccidono per poter idealmente "Stare insieme" per l'eternità), così come OGNI dramma incentrato sull'AMORE è incentrato sulla RICERCA per il possesso o la permanenza insieme all'oggetto amato.

Solo un martire puo' farsi uccidere per puro "Amore" verso gli uomini o verso Dio.

Dante però è un uomo!
La vicenda di Dante è più simile a quella di Orfeo:
ma infatti Orfeo scende agli inferi RIPRENDERSI Euridice; DANTE sa già dall'inizio che non può riprendersi Beatrice.

Anche perché se fosse così non avrebbe senso proseguire per il paradiso, dato che Beatrice la incontra nel purgatorio.

Beatrice è un tramite, esattamente come Virgilio, e tale doveva restare.

Il Dante del poema intraprende il noto viaggio per ritrovare sé stesso tramite l'espiazione delle colpe attraverso l'esperienza indiretta delle pene.

La Ricerca di Sé stessi: una strada migliore?

A mio parere, sarebbe bastato ispirarsi alla realtà ed incentrare il dramma sulla ricerca di sé stesso più che dell'Amore:
Quante persone, in ogni epoca per diversi motivi si sono perse in una "selva oscura" da cui non sapevano uscire?
E quanti di questi magari, un po' come capita a Dante, un bel giorno si sono svegliati e si sono messi in cammino per un'impresa "impossibile" come il cammino di Sant'Iago o il Giro del mondo?
Perché lo fanno?
Non certo perché sono alla ricerca dell'ideale di Amore, piuttosto perché sono alla ricerca di loro stessi, di risposte, di qualcosa che possa indicare quale sia la loro strada...

Secondo me, impostato in questa maniera, il viaggio avrebbe assunto una luce diversa, sicuramente più plausibile.


In conclusione:
La sfida era ardua, ma non sono molto sicuro che sia stata veramente vinta.

Musicalmente, è vero, mi sembra sopra a qualsiasi Tosca, Romeo e Giulietta o Promessi sposi, con le sue belle perle (specialmente sinfoniche), che tuttavia non bastano a sostenere un dramma piuttosto traballante, lento, spesso devozionale o cattedratico.
Mi dicono che sbarcherà in Canada e forse negli Usa...
Un italiano, proprio perché si tratta della Commedia, riesce a sopportarla di buon grado...
Non so come potrebbero reagire coloro per i quali quest'opera non costituisce un capolavoro della letteratura nazionale.
Speriamo che almeno lì (dove oltre all'esperienza hanno anche molto meno "timore reverenziale" nei confronti di Dante) riescano a trovare qualcuno capace di metterci mano in maniera da "snellirla" un bel po'.

sabato 19 marzo 2011

I difetti del musical italiano....

Vorrei riflettere su quelli che sono i problemi principali delle commedie italiane, e il perché secondo me ben poche se ne salvano.

Rifiuto forzato del passato.

La maggioranza dei problemi siano dovuti al fatto che l'italia da questo punto di vista ha una grandissima tradizione, e una pesantissima eredità, che in questo campo si tende troppo spesso a rifiutare a prescindere (senza peratro conoscerne bene le strutture e i meccanismi).
il rischio è quello che il risultato finale sia debole e poco efficace..

Bisogna conoscere ciò che si rivoluziona.

Il teatro, come ogni forma d'arte, ha una sua grammatica, che, personalmente non avrei niente in contrario a rivoluzionare; ma per poter "rivoluzionare" un'arte è necessario, prima, saperla applicare e conoscerne gli schemi.

Picasso ad esempio, uno dei più grandi "rivoluzionatori" dell'arte figurativa , diceva che da bambino sapesse disegnare già come Raffaello, e ci aveva messo tutta la vita per imparare a disegnare come un bambino.

Anche perché spesso questi schemi, frutto spesso di un'esperienza lunga anni o addirittura secoli, rispondono a delle necessità precise.
Le varie parti in cui è divisa un'opera (per rimanere ancora una volta in ambito musicale) rispondeva a necessità drammaturgiche prima ancora che musicali:

La cavatina ad esempio (Quanto è bella quanto è cara, Come Paride Vezzoso, languir per una bella, Largo al factotum), era il primo intervento di un personaggio ,appena cavatosi dalle quinte, era un brano in cui il questo spiegava chiaramente: Chi era, cosa faceva e cosa voleva.
Una sorta di carta d'identità del personaggio.
Così che lo spettatore avesse subito chiaro dove posizionarlo all'interno della tramai.

La stessa divisione in atti, che nelle "sedicenti" opere moderne pare fatta a caso, era in realtà la chiusura di una parentesi (di un'atto, di un'azione appunto) all'interno parentesi più grande dalla vicenda stessa.

Purtroppo gli autori dei recenti spettacoli cui ho avuto modo di assistere sembrano ignorare tutto questo.

I Testi :

PRESUNTUOSI e poco curati.


Un altro problema, sempre collegato al fatto di volersi affrancare quasi a forza dagli "schemi" del passato, è rappresentato sicuramente dai testi.
Oggi pare che nessuno sia capace di scrivere testi adatti alla musica da scena.


Molti "librettisti" nostrani si lasciano prendere la mano e volendo strafare si "lanciano" in liriche "presuntuose" dalle metafore improbabili (che finiscono poi col suonare persino ridicole), dalle ripetizioni eccessive, dalle enumerazioni infinite.
Scrivere è come dipingere, i colori bisogna darli con sobrietà.

Liriche poco Narrative


Inoltre non si può pensare di scrivere il testo ad un brano musicale teatrale, come se si scrivesse una canzonetta per un disco, le due cose sono diverse.


Mentre in un disco ogni pezzo è un'entità a parte (e puo' essere perciò anche sibillino), Il brano teatrale (musicale o meno) deve essere per forza narrativo, perché in teatro si racconta una storia, non si puo' mettere sulla scena qualcosa che non abbia una trama, un filo rosso che colleghi una scena all'altra.
Un brano alla Battiato o alla De Gregori, ad esempio, difficilmente potrebbe trovare spazio nello svolgersi di una vicenda, perché non è narrativo.

Nessuno chiamerebbe Joan Miró come illustratore di una novella, perché i dipinti d'un autore non figurativo, per quanto artisticamente geniali, non possono, per definizione, assolvere alla funzione di illustrare una vicenda.

Assenza di un "messaggio".

Per prassi inoltre, mella commedia musicale, molto più di quanto accade con l'Opera, i brani generalmente esprimono concetti "semplici", qua e là puntellati di riferimenti alla vicenda, in questo modo le canzoni possono prestarsi anche ad un ascolto "a parte".

Pensate ad "Aggiungi un posto a tavola" (che parla d'amicizia), o al contrasto di "Roma non fa la stupida stasera", che molti non sanno nemmeno provenga da una commedia.


Assenza delle minime regole di METRICA

C'è un altro punto che va preso in considerazione: la metrica (anche questa, oggi, illustre sconosciuta).

Se si tenta di musicare un testo in prosa l'impressione che se ne ricaverà, nella maggioranza dei casi, sarà quello d' una lagna!

Poiché la musica è regolata da criteri matematici, anche il testo che deve riempire quegli spazi deve esserlo!

I versi, le rime, le sillabe non ci sono a caso, non sono nate ad usum dei poeti più pedanti.
Una cosa è istintivamente piacevole quanto più è armoniosa, e l'armonia si raggiunge tramite l'applicazione di rapporti "matematici" tra gli elementi (in questo caso le parole).

Non è detto che sia da applicare sistematicamente in maniera rigida, ma ci vuole; questa è mancanza a cui si assiste spessissimo.

Non basta andare a capo a caso per scrivere un verso: pur non conoscendo la metrica, l'orecchio avverte la presenza o meno d'armonia (come succede quando sentiamo delle note stonate), e l'armonia s'ottiene solo rispettando certe precise regole ritmiche (come nella musica del resto).


Musiche eccessivamente presuntuose e sempre troppo maestose.

Un'ultima "nostra" pecca che mi preme brevemente (perché non è il mio campo) sottolineare è l'eccessiva "presunzione", oltre che dei testi, della musica, che tende ad essere troppo spesso eccessivamente grave e solenne, tende a "vestirsi" da Grand Opéra, risultando la parodia di sé stessa.

Anche "la gravità" nello scrivere una musica va usata solamente per sottolineare i momenti veramente più cruciali altrimenti perde di significato e fa annoiare lo spettatore.
A me capita addirittura di provare una sensazione di asfissia, proprio a causa di questa eccessiva pesantezza: come se a ogni singola parola ti stessero per rivelare il terzo segreto di Fatima.

Conclusioni:

Per i motivi esposti sopra mi meraviglia che molti degli spettacoli che rientrano in questa descrizione abbiano sérque di ammiratori accaniti.

Non so come mai Probabilmente perché c'è l'idea diffusa che a Teatro (specialmente dove si canta in luogo di parlare) uno spettacolo per essere bello debba essere noioso e incomprensibile, ma pieno luci, acrobati e ballerini a fare da contorno.

Io purtroppo non riesco a farmi ingannare dagli effetti strabilianti e dalle grandi scenografie, per quelli vado al circo.
Quelli sono fattori con cui si giudica la bontà della RESA d'un'opera, ma non dell'OPERA in sé (e si possono rendere in maniera strabiliante anche opere pessime).

E' inutile scomodare Vittorio Matteucci, Gino Landi, Carlo Rambaldi o Armani se manca la sostanza!

Per quanto bravi siano scenografi, interpreti e ballerini, quello che conta è innanzitutto la base.
Perché gli interpreti passano, l'opera rimane, e l'opera è costituita dal suo spartito, dalla sua musica e dalle sue parole.

lunedì 21 febbraio 2011

L'amore: una parola e un concetto spesso usato a sproposito.

Questa riflessione è nata qualche giorno fa, mentre stavo rileggendo alcuni appunti che avevo preso a seguito della visione di uno di quei grandi spettacoli che stanno girando l'Italia in pompa magna.

L'amore: una parola e un concetto spesso usato a sproposito.

Sempre più spesso, specialmente adesso che il teatro musicale sta dinuovo prendendo piede, mi capita di assistere a spettacoli dove il concetto di "Amore" è usato (ed abusato), spesso è addirittura scelto a fondamento e giustificazione delle azioni dei personaggi.
Vorrei far riflettere su questo.

L'uomo è fondamentalmente un animale e, come ogni animale, agisce in fuzione di poche regole semplici: tutte queste regole hanno alla base l'egoismo e l'istinto di autoconservazione.

In molti spettacoli a cui ho assistito, specialmente quelli a tema religioso o addirittura scritti e musicati da religiosi (qui i riferimenti a spettacoli in scena attualmente NON sono casuali), si sfrutta come motore del dramma il concetto stesso d'amore, concetto astratto (e "utile" a spiegare l'inspiegabile o il troppo complesso) che conoscono solo i filosofi (l'Amore unificatore di Empedocle) ed i religiosi (l' "Amore" di Gesù per gli uomini).

Tuttavia questo tipo di amore non esiste nella realtà "secolare", e non può essere utilizzato come base d'una trama, poiché (anche se stiamo parlando di vite di persone speciali) l'amore in sé, senza un oggetto o uno scopo preciso, è troppo vago per giustificarne le azioni.

Pensate alla differenza che passa tra uno spettacolo come "Godspell" e "Jesus Christ Superstar": pur trattando temi molto simili, l'uno riesce piuttosto "devozionale" e "oratoriale", l'altro riesce a coinvolgere lo spettatore perché cerca di modellare i personaggi dando loro uno scopo, delle giustificazioni e persino dei dubbi.

Frasi come "Imparare ad amare", "Lasciati guidare dall'amore", "Cercare l'Amore", "Se sei dannato è perché non sai amare" e compagnia cantante (letteralmente) sono carine, ma suonano leziose (e a me personalmente dànno fastidio).
Se in italiano (come in altre lingue) il verbo "Amare" è transitivo significa che abbia bisogno sempre di un oggetto su cui posarsi e di un buon motivo per farlo.

Per come la vedo io, l'amore degli uomini, come ogni cosa sulla terra, non è mai fine a sé stesso: è l'attaccamento a qualcuno o qualcosa, e a ciò che essa dà al soggetto "amante".

Per questo motivo accade che qualche bella bionda che non brilla per cultura, si innamori perdutamente del ragazzotto bruttarello dall'aria da intellettuale: perché in lui cerca ciò che a lei manca; oppure accade anche che la bellona di cui sopra cerchi pari requisiti, perché da questi cerca ciò che lei stessa offre.

Persino l'amore paterno si può vedere in quest'ottica:
L'affetto del genitore verso il figlio è una proiezione dell'amore del genitore verso sé stesso, poiché nel figlio il padre vede la possibilità di realizzare i sogni che, con molta probabilità, egli ormai non potrà più realizzare.
Ed è per questo che, generalmente, i genitori fanno di tutto per dare al figlio ciò che non hanno avuto loro, per citare Rigoletto:
"Solo per me l'infamia a te chiedeva, o Dio...
ch'ella potesse ascendere quanto caduto er'io... ".

Tutto questo non vuol dire che non si possa basare un'opera sull' "amore" verso un concetto astratto (come accade a màrtiri e patrioti), tuttavia, nello svolgersi della trama, quest'idea astratta deve assumere un forte peso o una giustificazione "reale" nella psicologia del personaggio, che deve essere ben "modellata" per non suonare pretestuosa.

Che io sappia, in nessun'altra lingua come in italiano il sentimento d'amore può assumere diverse sfaccettature; credo che il motivo dell' "appiattimento" del concetto di "amore" si debba proprio all'invasione culturale che stiamo avendo negli ultimi anni dal mondo anglofono.

A differenza dell'inglese, appunto, in italiano ci sono diversi verbi per descrivere diversi gradi di "affetto": "Volere bene a qualcuno" non è un concetto facilmente traducibile in un'altra lingua, ma in italiano si distingue nettamente dall' "Amare": "mi piace" dipingere, "Amo" la mia ragazza, e "voglio bene" alla mamma (a meno che non sia nel pieno del complesso d'Edipo).

E' per questo che l'italiano tende ad usare il verbo"Amare" molto raramente, e così, come nella vita, anche nella finzione di questa parola non si dovrebbe abusare.

Per i motivi indicati qui sopra, a mio parere, non si può basare un intero dramma e le azioni dei suoi protagonisti sul mero impulso d'un amore ideale (può sembrare un concetto ovvio, ma i fatti provano che non lo è).
Nei grandi spettacoli "classici" in cui il sentimento d'amore fa da motore, questo sentimento è sempre rivolto a qualcuno o qualcosa, ed oggetto dell'azione drammatica è la ricerca dell'unione, della vicinanza fisica (o anche ideale) d'un amante con l'altro:

Orfeo intraprende il suo viaggio nell'oltretomba per potersi RIPRENDERE Euridice.
Romeo e Giulietta durante tutto il dramma non fanno che cercarsi, e anche il darsi la morte è giustificato dal fatto di poter stare insieme almeno nell'aldilà, così Aida, Francesca da Rimini, Tosca ecc...

domenica 23 gennaio 2011

Gérard Presgurvic - Roméo et Juliette - La Mort de Romeo - La morte di Romeo - Versione italiana

Ho trovato sul mio disco un testo che avevo iniziato qualche tempo fa, dopo averlo aggiustato e "ripulito", lo pubblico qui.
Mi prendo qualche libertà metrica in più sulla musica, ma a mio parere niente di "stonato".



Que lui avezvous fait, Hai pagato tu, (1)
pour qu'elle s'en aille ma a che prezzo,
Que lui avezvous fait, Hai pagato tu
quelle bataille il disprezzo
Avezvous gagné, e l'ipocrisia
à nous séparer d'una guerra altrui.


***
Que lui avezvous dit,
hai pagato tu,
pour qu'elle choisisse con la vita,
De mourir loin de moi per chi ,senza un perché,
Sans que je puisse, ti ha punita
la serrer dans mes bras D'una colpa non tua.


***
Que lui avezvous fait,
Termina così
pour qu'elle me laisse maledetta
Le poids de vos regrets, la fiaba tra Romeo
de ma tristesse e Giulietta.


***
C'est fini, je m'en vais
E' finita (2) - sipario
Je voulais savoir la vie, sulle nostre avversità;
maintenant je sais Sulla vita.
Je suis si fatigué Ti sei spenta così
Je ne veux plus rien come un lampo [nel blu] (3)
Simplement m'allonger, senza dire perchè
et lui prendre la main senza dare un addio.
La poser sur mon cœur, Dormi un sonno che più
oublier ma douleur nuovi sogni non dà


***
C'est fini, je m'en vais
E' finita - sipario
Je voulais savoir la vie, sulle mille crudeltà
maintenant je sais della vita
Le miel de ses baisers Riaverti ai baci miei
La douceur de ses yeux no, mai più non potrò
Je vais les emporter perché da dove sei
Et les donner à Dieu non si torna lo so.
Adieu ma Juliette [ma] potessi vorrei
C'est l'éternité, passare con te(4)
qui nous attend l'eternità.
***
C'est fini, je m'en vais E' finita - sipario
Enfin trouver l'oubli ormai senso non ha
trouver la paix la mia vita
Je suis si fatigué Tutto quanto per me
Je ne veux plus rien muore col luccichio
Simplement m'allonger di quegli occhi che Dio
Traverser le miroir mi ha rubato per sé.
Retrouver ma Juliette Sul tuo corpo e sul mio (5)
pour l'éternité d'ora in poi veglierà
Elle nous attend... l'eternità.
***
1) Volendo, per essere più vicini all'originale, l'alternativa era di sostituire quel "hai pagato tu" con "ha pagato lei", con conseguente spostamento (senza troppi danni) alla terza persona del resto; ma mi pare che così stia meglio.

(2) anche qui, volendo pignoleggiare, c'è una sillaba in più... sinceramente non mi pare che tutto sommato stonino troppo.

(3) Qui ho regolarizzato la strofa con quella dopo (dove infatti dice "Je ne veux plus rien savoir")...ma l'ho fatto in modo che anche togliendo l'eccesso si perda la rima ma il senso rimanga.

(4) Ci stava bene, senza stonare, "riposare con te" (o "con lei" per la rima, sono indeciso).

(5) Per la cronaca, ho sostituito i versi"Il tuo letto ed il mio / da stanotte sarà l'eternità"... era una bell'immagine... ma non abbastanza delicata...

giovedì 6 gennaio 2011

Disney - Rapunzel - Lorena Brancucci è tornata a far danni?

Una nota di poche righe:
Su consiglio di un amico, sono riuscito a scovare i testi del nuovo classico Disney (a dire il vero non sapevo nemmeno ne fosse uscito uno nuovo).

La cosa mi ha interessato non poco dato che, visti i "disastri" precedenti di Centonze e Brancucci, avevo inviato un paio di mail proponendomi come traduttore (email che, chiaramente, non hanno mai ricevuto nemmeno risposta).

Infatti quando ho letto "a cura di Lorena Brancucci" nei crediti mi son sentito male, presagivo il disastro, come è successo altre volte.

In realtà ero partito con l'intenzione di scriverne una versione "mia" e successivamente di confrontarla con le liriche italiane originali, ma la curiosità e la tentazione son state troppo forti ;-)

Ancora non ho ascoltato tutti i brani, né ho visto ancora il film per intero, però ad un primo ascolto devo dire che come autrice mi pare molto migliorata, (tanto da farmi supporre che sia stata probabilmente aiutata).

Va detto inoltre che la maggioranza dei pezzi da me ascoltati fino ad ora sono poco movimentati, dai molti versi "piani" e piuttosto "spaziosi", che non presentano dunque particolari difficoltà di resa (riprova ne è il fatto che non ho sentito ancora nessun troncamento di parola).

Avendo ascoltato prima le liriche originali, confesso che qua e là io avrei fatto diversamente, però devo ammettere che il risultato è tutto sommato buono, migliore di molte altre volte ("Come d'incanto", per esempio).